Festival della Scienza

Contenuti del sito

Contenuto della pagina - Torna su


Festival della Scienza: vita da animatori

Quest’anno sono stati settecento gli animatori e le animatrici che hanno accompagnato i visitatori del Festival della Scienza tra le mostre, i laboratori e le conferenze. Che fossero giovani studenti nelle Facoltà scientifiche genovesi, o semplicemente ragazzi curiosi e desiderosi di fare una nuova esperienza, gli animatori hanno dato il massimo e domenica 1 novembre sono stati premiati con una grande festa di arrivederci a Palazzo Ducale.

Silvia ha 22 anni ed è animatrice del Festival da cinque edizioni: «È un’esperienza unica, che ogni anno faccio con piacere. L’ambiente è davvero stimolante e partecipare ad uno dei grandi eventi che si organizzano nella mia città è per me un onore».
Emanuele ha 20 anni e ha indossato la maglietta bianca con il logo rosso del Festival per la prima volta: «Frequento l’Università e questa esperienza mi incuriosiva. Per partecipare mi sono iscritto un anno fa!».

Valentina ha 24 anni e la sua esperienza al Festival è stata un mix di «grande impegno, ma anche tanto divertimento. Gli incontri che mi sono piaciuti di più sono quelli che hanno coinvolto i bambini, scatenati e curiosi».
Cristina ha 27 anni e fa l’animatrice da quattro: «Ogni anno al Festival conosco tante persone simpatiche. Sono certa che frequenterò i compagni di avventura di questa edizione anche al di fuori del Festival. Tra gli incontri più interessanti che ho avuto modo di seguire ci sono gli incontri dedicati ai Premi IgNobel, che cerco di seguire ogni anno».

Carlo ha 32 anni ed è al suo secondo anno da animatore: «Questa esperienza mi permette di vivere la città. È bello partecipare a questa manifestazione da protagonista. Quest’anno ho seguito alcune conferenze interessanti e ho visto lo spettacolo del robot ASIMO, che mi ha davvero impressionato».


Genova, 1 novembre 2009

Documenti